Via de Infanti – Avostanis

Relazione di Claudio Betetto, foto di Maria Grandesso e Claudio Betetto

Premessa

Quella del 2015 è stata una stagione Autunnale molto produttiva: tempo libero e meteo spettacolare hanno permesso alcune salite in condizioni ottime per il periodo, salite che mi hanno aperto gli orizzonti su quanto vasto e creativo può essere l’alpinismo. E’ bello inventare, pianificare e poi soffrire per portarsi a casa un itinerario tanto agognato.

Prima dei versanti Nord del Gran Vernel e dei Bureloni e della trasferta in Piemonte sulla Punta d’Ondezana e la Becca di Gay, mi sono concesso una giornata di tranquillità nel sole della splendida parete di Avostanis.

Siamo in 3: Maria, Riccardo (reduci dal corso roccia) e il sottoscritto; l’obiettivo è la facile e divertente via De Infanti. Saliti la sera prima con alcuni amici alla Casera Pramosio alta (1940m), brindiamo fino a tardi e poi ci addormentiamo ipnotizzati dal fuoco danzante. La mattina ci svegliamo di buon’ora e ci portiamo sotto le pareti che prendono già il sole. Siamo al 2 di Novembre ma sembra di essere in Settembre.

Relazione

L’attacco della via è nel settore di sx. All’inizio non c’è la sosta ma usiamo un buon spuntone.  Saliamo una rampetta che punta legg. a dx e sopra 6-7m troviamo un anello.

1: Saliamo le scanalature, piegando legg. a sx sotto ad un camino (3b/c).

2: Saliamo il camino, facile e comodo nella prima parte poi stretto e scomodo (2 anelli cementati nel passaggio), usciamo a sx (anello con maglia rapida e clessidra vicina) e proseguiamo facendo sosta su cengia erbosa. (4a/b, p.4c nel camino)

3: Traversiamo a sx su cengia fin sotto un evidente camino-diedro da risalire prima dentro e poi fuori. La sosta è usciti dal camino legg. sulla sx. ( 4a poi sul III dopo l’uscita)

4: Traversiamo a dx (abetino) e poi su, seguendo uno spigolo verso una sosta inutile. Su dritti per terreno un po’ esposto, infine per loppe alla sosta su cengiona. (3c-4a)

Proseguiamo a dx per sentiero che in cengia ci porta brevemente in cima alla parete.

Visti i bagordi serali, Riccardo non è proprio in forma e facciamo un po’ di sosta ammirando il panorama che spazia dal Canin e Montasio in Giulie (si intravede l’amata Via di Dogna) ai giganti Austriaci passando per il Cogliàns, giusto vicino a noi. Sono lì che penso alla parete Nord e sogno salite future… Poi per sentiero che digrada verso Est, torniamo in casera.

Dopo un pranzo veloce passeremo il pomeriggio su qualche monotiro.

Giornata fantastica in ambiente superlativo e bellissima compagnia! Un grazie a Riccardo e Maria che mi hanno chiesto di partecipare a questa avventura.

Note

Salita fatta tutta in trad eccetto i due moschettaggi del tiro chiave, tuttavia visto la presenza degli anelli cementati è stata proposta la scala dell’arrampicata sportiva.

La roccia è superba e l’ambiente unico nel suo genere. Data l’esposizione a Sud pieno e la quota, la parete prende il sole dalla prima mattina fino al pomeriggio, anche in Novembre.

DSCN6078
Il fuoco danzante
DSCN6080
Serata in casera
DSCN6092
Casera Pramosio alta
SAMSUNG DIGITAL CAMERA
La bellissima paretona di Avostanis
SAMSUNG DIGITAL CAMERA
Calcare spettacolare
DSCN6094
E visione mozzafiato sul Lago di Avostanis!
DSCN6097
In sosta
DSCN6098
Riccardo sale sul primo tiro
DSCN6095
All’attacco del camino del II tiro
SAMSUNG DIGITAL CAMERA
Fuori dallo scomodo passaggio in camino
SAMSUNG DIGITAL CAMERA
Nella parte alta dopo il caminetto del IV tiro
DSCN6113 - Copia
Felicità in cima
DSCN6111.JPG
Verso l’Austria
DSCN6110.JPG
E verso il gruppo del Cogliàns
DSCN6109.JPG
A sinistra Montasio, si intravede il tracciato della Via di Dogna, a destra Canin
DSCN6115
Maria mi da una mano a riprendere il magnesio perduto in salita
DSCN6118
Leviamo l’ancora che il Sole è già tramontato. Giornata stupenda
Precedente Torre Nuviernulis 1881m- Via Feruglio Successivo Anello della Cuesta Spioleit 1687m – A cavallo tra Val Tramontina e Val d’Arzino

Lascia un commento