Trasferta del Landre in Piantonetto – Alla scoperta della Becca di Gay 3621m

Relazione di Matteo De Piccoli. Foto di Claudio Betetto, Francesco Polazzo, Mirco Grasso, Matteo De Piccoli.

Salita effettuata il 7 dicembre 2015.

La Becca di Gay da Punta d'Ondezana
La Becca di Gay da Punta d’Ondezana

Introduzione
Finalmente la prima riunione dei Salvadis in territorio piemontese! Dopo i travagliati preparativi ci si ritrova a Torino per sfruttare appieno il ponte di inizio dicembre: l’idea è quella di fare una puntatina alla Sbarua, passare la notte di sabato al rifugio Pontese (2217m) per attaccare il giorno dopo Punta d’Ondezana (3492m); domenica notte sfruttare il bivacco Carpano (2865m) come appoggio e infine puntare alla Becca di Gay (3621m) o la Roccia Viva (3650m). Il giro è abbastanza ambizioso visto il periodo ma le particolari condizioni di innevamento (scarsissimo) fanno sperare in un buon margine di riuscita, anche se le condizioni in quota rimangono un’incognita.
Venerdì 4 dicembre la sera arrivano a casa Francesco (Pola), Claudio e Mirco (amico di Claudio), trovando un buon frico ad attenderli.

Descrizione Salita
Dopo una giornata a dir poco sfiancante scendiamo da Punta d’Ondezana; felici di aver portato a casa la cima, giungiamo al Bivacco Carpano verso le 15. Godiamo dell’ultimo sole e tosto entriamo al a scaldarci; Claudio non perde tempo e attacca a sciogliere neve in grande quantità. Ci rifocilliamo consultandoci su ciò che ci aspetta per la giornata successiva: la scelta pende tra la Becca di Gay e la Roccia Viva. Le cime raggiungono circa la stessa quota, ma la Becca di Gay sembra riservare una salita più varia e in ambiente. Le condizioni trovate in Punta d’Ondezana fanno ben sperare: nei canali (esposizione prima Ovest poi Nord) la neve era ben dura e compatta, spesso anzi si incontravano tratti di ghiaccio. Nonostante il canale di accesso alla Becca dal Ghiacciaio della Roccia Viva sia esposto ad Est, tentar non nuoce!
Alle 20 siamo imbaccuccati nei sacchi a pelo, finalmente una notte che consenta di ricaricare le batterie!
L’indomani ben riposati (abbiamo dormito più di 8 ore!!) cominciamo a camminare alle 6 ripercorrendo al buio il percorso fatto per arrivare al Carpano, puntando poi al Ghiacciaio di Roccia Viva. La pietraia al buio è a dir poco disagevole ma con qualche imprecazione e nuova botta sugli stinchi giungiamo finalmente ai piedi del Ghiacciaio. Qui ci coglie un’alba infuocata: il sole sorge bagnando di rosso un oceano di nuvole che avvolge la pianura sotto di noi, trasportandoci in uno spazio a sè stante: l’atmosfera è surreale.
Giunti al Ghiacciaio il canale è ben evidente: dopo un primo tratto più appoggiato la pendenza aumenta e si incontra un bel masso dall’aspetto vispo che promette simpatici passaggi.
Calziamo i ramponi e attacchiamo il canale.
A differenza del giorno precedente la neve è sfondosa e non regge: si fa più fatica del previsto. Aggiriamo il masso chi a destra (io e Pola con qualche passo di misto, più abbordabile) chi a sinistra (Claudio e Mirco su una bella lavagnetta di ghiaccio) e riprendiamo sulla stessa neve in cui a volte si sprofonda fino alla vita.
Finalmente giungiamo in cima al canale e sbuchiamo al ghiacciaio situato alla base della cima della Becca (esposizione Sud,Sud-Est). Il ghiacciaio presenta neve a volte un po’ più dura e la minor pendenza agevola la salita. Attraversandolo, l’ambiente è spettacolare e d’alta montagna; dalle nuvole spuntano solo le cime più alte, e il Monviso fa da padrone: solo la sua inconfondibile sagoma si delinea guardando verso Sud.
Giunti a una piccola dorsale nevosa dopo aver attraversato il ghiacciaio possiamo puntare alla cima (esposizione Sud): la neve sembra concedere un passaggio più agevole tra i massi e i salti rocciosi. Mirco non si fa pregare e d’iniziativa comincia a salire. La pendenza non è mai eccessiva e la neve agevola la salita rendendo inutile arrampicare. In breve giungiamo in cima (ore 11), godendoci lo spettacolare panorama a 360° su tutta la catena alpina.
Che meraviglia! La cresta offre un ottimo palcoscenico e non possiamo fare a meno di sostare qualche minuto per goderci il panorama.
Tristemente e dopo i soliti riti riprendiamo a scendere: ci aspettano quasi 2000 metri di dislivello in discesa ed è meglio non perdere tempo. La discesa è decisamente più veloce della salita e in breve siamo al bivacco Carpano (ore 13 circa). Qui rapidamente ci concediamo un panino, un sorso di grappa e via verso il Pontese.
Onde evitare ulteriori inutili pietraie facciamo affidamento alla ferrata: scendiamo dal bivacco spalle al Monte Nero e seguiamo gli ometti precedentemente scorti.
Dopo una quindicina di minuti scendendo dai prati giungiamo all’attacco della ferrata, breve e simpatica con qualche passaggio esposto. E’ sicuramente la miglior scelta possibile!! Pensare di rimettere i piedi sulle infide e innevate pietraie faceva venire a tutti il voltastomaco… Dalla ferrata si scende invece veloci e senza intoppi, in breve giungiamo al Rifugio e quindi alla macchina.
Stanchi ma più che soddisfatti, abbiamo concluso questi giorni raggiungendo tutti gli obiettivi preposti!!

Complimenti a Mirco, che vedevo per la prima volta e ha dimostrato di essere in ogni momento più che all’altezza della situazione senza mai perdersi d’animo: è stato ribattezzato “John Deere” e vi lascio immaginare il motivo.
A Claudio, che ha trascinato tutti in questa avventura e non ha smesso di crederci per un millesimo
di secondo, contagiando tutti con la sua determinazione.
Infine a Pola, che ha sempre tenuto alto il morale col suo umorismo da Lord inglese e l’ignoranza inside. Spero di aver sopperito alla mancanza di Jacopo in modo degno.

Riguardo a me quest’esperienza è stata totalizzante: mi sono sentito al limite in diversi momenti e senza una tale compagnia sarebbe stato davvero difficile superarli; ma è in queste situazioni, in cui ci si “costringe” a crescere, che si maturano le emozioni più forti. Il freddo, la scarsità di liquidi, la lunghezza dei percorsi, le pietraie innevate, e molti altri fattori condizionavano questa salita ma non è mai stato così bello stringere i denti e andare avanti.
Non per qualcuno, non perchè ormai sei qua, non per giungere in vetta.
Ma per vivere emozioni.

Note tecniche
A parte qualche difficoltà sul masso nel canale le condizioni nevose permettevano di giungere in cima senza grosse difficoltà tecniche o comunque inferiori se confrontate a quelle affrontate in Punta d’Ondezana. La salita riserva però un ambiente grandioso e vario, il ghiacciaio in alta quota e la “cresta” finale alla cima si compiono
in ambiente davvero maestoso.
Necessari caschetto, ramponi, piccozza, normale dotazione alpinistica.
In condizioni di innevamento maggiori il masso a metà del canale dovrebbe essere coperto.

 

Disagio mattutino. Risalendo i massi innevati, da poco partiti dal Bivacco Carpano.
Disagio mattutino.
Risalendo i massi innevati, da poco partiti dal Bivacco Carpano.

 

Le prime luci, guardando verso la pianura.
Le prime luci, guardando verso la pianura.
Un mare di nuole sopra il Bivacco.
Un mare di nuole sopra il Bivacco.
Alba e pietre.
Alba e pietre.
Ancora alba.
Ancora alba.
L'alba sul Becco Meridionale della Tribolazione.
L’alba sul Becco Meridionale della Tribolazione.
Salvadis in assetto invernale.
Salvadis in assetto invernale.
Finalmente al Ghiacciaio, il sole rosso bagna i contrafforti della Becca di Gay di fronte a noi. Il canale è evidente
Finalmente al Ghiacciaio, il sole rosso bagna i contrafforti della Becca di Gay di fronte a noi. Il canale è evidente
Il canale di accesso al Ghiacciaio "pensile"
Il canale di accesso al Ghiacciaio “pensile”
Giunti al masso
Giunti al masso
Al sasso, Claudio e Mirco attaccano sul ghiaccio.
Al sasso, Claudio e Mirco attaccano sul ghiaccio.
Siamo ormai quasi usciti dal canale
Siamo ormai quasi usciti dal canale
Pendenza e cascate di ghiaccio
Pendenza e cascate di ghiaccio
Il Becco Meridionale della Tribolazione (3372m)
Il Becco Meridionale della Tribolazione (3372m)
Il panorama è spettacolare già dal Ghiacciaio. Si respira aria di alta montagna
Il panorama è spettacolare già dal Ghiacciaio. Si respira aria di alta montagna
Il Monviso.
Il Monviso.
Ultimi tratti sul ghiacciaio: ecco la cima, dritta di fronte a noi sul fondo
Ultimi tratti sul ghiacciaio: ecco la cima, dritta di fronte a noi sul fondo
Il tratto finale in "cresta" per giungere alla cima.
Il tratto finale in “cresta” per giungere alla cima.
In azione verso la vetta ormai vicina
In azione verso la vetta ormai vicina
Cervino e non solo
Cervino e non solo
La cima di fronte più piramidale è Punta d'Ondezana (3496m), salita il giorno precedente
La cima di fronte più piramidale è Punta d’Ondezana (3496m), salita il giorno precedente
Gran Paradiso e Monte Bianco
Gran Paradiso e Monte Bianco
Panoramica dalla cima
Panoramica dalla cima
Oceano di nuvole
Oceano di nuvole
Selfie in vetta!! Ondezana e Gran San Pietro alle spalle!
Selfie in vetta!! Ondezana e Gran San Pietro alle spalle!
Si scende ripercorrendo la strada fatta in salita. Si vede tutta la traccia nel ghiacciao che porta sino all'attacco del canale in fondo a sinistra.
Si scende ripercorrendo la strada fatta in salita. Si vede tutta la traccia nel ghiacciao che porta sino all’attacco del canale in fondo a sinistra.
La vetta e il ghiacciaio sottostante.
La vetta e il ghiacciaio sottostante.
Ambiente spettacolare, il Becco ci accompagna per tutta la salita.
Ambiente spettacolare, il Becco ci accompagna per tutta la salita.
Giunti all'imbocco del canale.
Giunti all’imbocco del canale.
Sul canale
Sul canale
Mirco colto in fase estatico-ascetica si avventa su Claudio.
Mirco colto in fase estatico-ascetica si avventa su Claudio.
Il percorso svoloto all'andata per giungere al Carpano e la Becca di Gay sullo sfondo.
Il percorso svoloto all’andata per giungere al Carpano e la Becca di Gay sullo sfondo.
Al Pontese, dove abbiamo dormito la prima notte al bivacco invernale; ancora mezz'oretta e siamo alla macchina.
Al Pontese, dove abbiamo dormito la prima notte al bivacco invernale; ancora mezz’oretta e siamo alla macchina.
Precedente Ciùc dal Bȏr 2195m – Sul più strano zoccolo carnico Successivo Bureloni 3130m – L’universo ghiacciato del canale Nord

3 commenti su “Trasferta del Landre in Piantonetto – Alla scoperta della Becca di Gay 3621m

  1. Complimenti davvero per questo uscita alpinistica old-style “fuori dagli schemi”, foto meravigliose.
    E un piacere seguirvi!

  2. landredaisalvadis il said:

    Il piacere è nostro di sapere che c’è ancora qualcuno interessato a itinerari/gite di questo tipo! Non solo facili svvicinamenti e falesia 😀

    Matteo

  3. lorenzo benedetto il said:

    Grazie per queste foto meravigliose che mi permettono di vedere un posto dove sono stato più di 30 anni fa. Non ho foto di quella escursione, ma mi ricordo bene il canale per arrivare al colle e al ghiacciaio superiore e poi la cima…. certo non era inverno…… siete stati davvero bravi! Grazie!!!

Lascia un commento