Monte Dosaip 2062m – L’invernale tanto agognata

DSCN2971.JPG
La Est del Dosaip dal Cuesta Spioleit

Relazione di Claudio Betetto, foto di Jacopo Verardo e Claudio Betetto

Salita del 3/01/15

Premessa

Era il 29 Marzo del 2014 quando tentavo la salita a questa cima, ultimo baluardo delle Clautane dopo il quale si sconfina nel vasto territorio misconosciuto dei Canali del Meduna e della val Silisia. L’inverno era stato nevosissimo e, affacciatomi sul vasto catino principale (il primo Aip), non me la sentii di procedere oltre, così ripiegai sulla Costa de Pu fino alla quota segnata 1970m.

L’inverno 2014-2015 invece, perlomeno fino a Gennaio, si dimostra avaro della amata dama bianca, cosa che ci permette di optare per una salita senza troppi patemi. Al rapporto siamo in 3: il Pola, Jacopo e il sottoscritto: il Landre è a metà.  Il ritrovo è nella caratteristica frazione di Lesis, dopo l’abitato di Claut prima del sorgere del sole.

Relazione

Saliamo in auto fino agli St. le Parentonia (725m) e proseguiamo a piedi lungo i tornanti che portano al Pian di Cea. A destra, sul fondo della valle in mezzo ai massi, nasce l’amato Cellina.

Ancora al buio percorriamo le lunari Grave da Giere che troviamo solo leggermente innevate ed in breve giungiamo in Casera Podestine (1024m) dalla quale assistiamo ad uno spettacolo unico: le nubi si tingono di rosa verso il Resettum e tutta l’aria si carica di colore. Noi minuscoli in silenzio osserviamo. Dai pressi della casera prendiamo il sentiero che per qualche centinaio di metri punta verso forc. delle Pregoiane per scartare sulla dx in direzione Casera Caserata. Ormai è la quarta volta che passo di qui: nel Dicembre 2013 da solo fino alla Caserata affondando nella neve alta, la seconda volta per un infruttuoso tentativo al Dosaip con l’amico Nicola e la terza quando rinunciai alla cima a causa della troppa neve. Ora siamo agguerriti e più attrezzati.

La traccia sale inizialmente per una faggeta alternando poi traversi su ghiaie a qualche mugo; non è propriamente “divertente”  ma è frequente scorgere ombre fugaci che si nascondono fra i rami e si percepisce il respiro della natura. Siamo in Caserata (1479m) per le 8:45 dopo poco più di 2 ore di cammino. Breve sosta e da qui inizia la vera avventura! Seguiamo una traccia che stacca dai pressi della casera (invisibile l’anno precedente a causa della neve!) che ci porta a risalire un bel bosco misto di abeti, faggi e larici in direzione dei ruderi di Casera Dosaip (1809m) di cui è rimasta solo qualche pietra. Da qui saliamo la parte finale del pendio per affacciarci sul catino, il cosiddetto “primo Aip”, tramite il quale tenteremo la cima. Sulla carta è segnata una traccia che si tiene bassa per entrare nell’Aip dal basso ma la tralasciamo e ci caliamo nel catino. Inizia ora un lungo traverso per tentare di perdere meno quota possibile, evitando anche strani lastroni che appaiono poco rassicuranti. Non deve infatti trarre in inganno la poca quantità di neve: spesso il pericolo è più elevato proprio con queste condizioni! ( Vedi: Approfondimento su neve).

Una volta giunti all’incirca sulla verticale della presunta cima iniziamo a salire: la neve nel frattempo si è fatta più alta e per nulla portante, ogni passo costa parecchia fatica. Nella parte alta ingaggiamo anche la lotta con qualche mugo ed infine con una cornice che non ne vuole sapere di essere superata ma in qualche modo raggiungiamo la cresta. La cima è lì, pochi metri a dx. Tira un bel vento e ho una mano totalmente ghiacciata per non aver usato i guanti nella parte alta della salita, il sole però scalda un minimo e riusciamo a rimanere sulla cima per un po’. E’ circa mezzogiorno, c’ è poco da perder tempo: scattiamo una foto di vetta tra le più riuscite e poi giù nell’Aip per tornare sui nostri passi. A ritroso ripercorriamo il traverso, diventato faticoso per via della neve che ha mollato( e siamo al 3 di Gennaio!!), ripassiamo per Casera Dosaip dalla quale la visuale sul versante Sud delle Caserine in tenuta semi-estiva lascia impressionati,  poi la Caserata, la Podestine ed infine alle ultime luci siamo di nuovo sulle Grave da Giere. E’ come un ritorno graduale alla civiltà con il sole che cala sulle cime dietro di noi regalando ancora visuali incredibili. Una buona birra a Claut rinsalda il legame fra gli alpinisti in erba.

Lungo la strada verso casa sarà però Erto la protagonista, emanando con le sue luci un’aura d’oro nel nero impenetrabile della Val Vajont e chiudendo in bellezza una giornata a dir poco spaziale.

Note  

Salita non difficile tecnicamente ma di ampio respiro per l’ambiente selvaggio e isolato nella quale si svolge. Partiti col buio e tornati alle ultimissime luci. Ramponi utili nella risalita dell’Aip con neve ghiacciata, corda inutile.

11 Traccia in cresta- Dosaip-Prealpi Carniche
L’inizio della Costa de Pu nel Marzo 2014
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
La Costa de Pu nel Marzo 2014: la troppa neve mi farà desistere dal proseguire
10917192_801902253216484_4142550122813389075_o
Le lunari Grave da Giere con le prime luci sulle crode
DSCN2229 - Copia.JPG
Resettum “rosè”
10911460_801902153216494_7147151033721622690_o
Casera Caserata
DSCN2238.JPG
Salendo verso la cresta che si affaccia sull’Aip
1978539_801902476549795_6497771644795683900_o
L’Aip. Visibile il traverso da fare per salire la cima
DSCN2241.JPG
I due alpinisti
10887096_801902693216440_1417982499378923796_o
Lungo il traverso
10899985_801902636549779_2138990021474884811_o
Salendo alla cima
DSCN2244.JPG
Tratto finale ripido del pendio
10922393_801903203216389_7748434056537766996_o
Dalla cima la visuale verso le Prealpi Carniche e le Giulie è infinita
10818448_801903139883062_6351624358461958431_o
Futuri Salvadis in vetta!!
1072388_801903376549705_5573929175129191229_o
Duranno e Preti: una coppia indivisibile!
DSCN2248.JPG
Il solito cazzone
10872983_801903389883037_6460223773797762887_o
Si inizia a scendere. Sullo sfondo la cresta che porta al Domanzon
DSCN2265.JPG
In discesa nella parte alta
10847193_801903573216352_1317755799384501445_o
In discesa nella parte alta
1795846_801903746549668_2573746231128299945_o
Il traverso a ritroso
DSCN2277.JPG
Il versante Sud delle Caserine in veste semi-estiva
DSCN2281.JPG
I ruderi di Casera Dosaip
10922392_801903759883000_1958299306791492106_o
Ultime luci dalle Grave da Giere
DSCN2298 - Copia - Copia.JPG
Erto e la sua aura dorata

 

Sitografia

– http://www.latanadellorso.altervista.org/crestadosaip/periplo.htm

– http://digilander.libero.it/caisanvito/gitesoci/La%20Val%20del%20Giaz.htm

Precedente Punta d'Ondezana 3492m dal lago di Teleccio - Salvadis in Occidentali Successivo Monte Amariana - Sentiero "Attrezzato" Mario Dalla Marta

Un commento su “Monte Dosaip 2062m – L’invernale tanto agognata

  1. Giorgio il said:

    Dovevate portare giù quella croce. In tanti anni di frequentazione di quella cima (prima salita nel 89) non c’è mai stata alcuna istallazione. Ora, nonostante i divieti del Parco spuntano croci e lapidi come funghi. Parrebbe una cosa consueta e innocente, ma non lo è: se ognuno si inventasse qualcosa da portare in vetta le cime sarebbero discariche. Le croci hanno lo stesso significato dei bolli; pensate quanto sarebbe stato più bello per voi arrivare in vetta col dubbio se quella era veramente la sommità o se più avanti vi fosse stato un dosso più alto; ciò è possibile solo in mancanza di istallazioni.
    Ma non dura tanto, statene certi.

Lascia un commento