Monfalcon di Montanaia 2548m e sentiero Piero Taiariol

Vedi “La triade dei Monfalconi”

0.0.JPG
Il Monfalcon di Montanaia visto dalla Croda Ultima del Leone
0.1.JPG
Il Monfalcon di Montanaia che svetta, visto dal Monfalcon di Cimoliana

Relazione e foto a cura di Claudio Betetto e Jacopo Verardo.

E’ il più alto e possente della triade dei Monfalconi; io e Jacopo eravamo alla ricerca del sole e le previsioni una volta tanto sembravano più favorevoli in Oltrepiave che altrove, l’ occasione andava colta.

Partiamo dal rif. Pordenone(1249m)  alle prime luci e risaliamo la Val Monfalcon di Cimoliana con lo sguardo sempre puntato in alto a sinistra dove, fra le nebbie  sbucano le guglie dorate della Croda Cimoliana  e di     Cima Eva. Arrivati al bivio (1850m ca.) per l’ ex sentiero dismesso  “Piero Taiariol”, deviamo a sinistra in direzione del Ciadinut di Cimoliana, una sorta di piccola valle pensile isolata dalla principale.

Prima fra i mughi, costeggiando anche la parete e poi per zolle erbose, prendiamo quota rapidamente entrando nel Ciadinut, risalendolo nella sua porzione sinistra. Il canale dell’ attacco si trova piuttosto in alto, è abbastanza logico e sale da sinistra a destra, al 2014 era segnalato con vernice rossa. Saliamo lo stesso per buoni 40-50m fino a raggiungere una spalla detritica. Dopo di questa vi è il passo chiave: un caminetto di circa 10m marcio e umido che impegna sul II abbondante.  A destra troviamo un buon ancoraggio con cordino nuovo di pallino ottimo per un’ eventuale calata in doppia. Ci inerpichiamo così verso la vetta per cenge fino a trovarci in vista del forcellino che dà sul versante Cadore. Per raggiungerlo superiamo alcuni divertenti saltini rocciosi sul I e una fessura-caminetto di pochi metri sul I+. In forcella ci fermiamo estasiati per una manciata di minuti. Insistiamo sulla traccia a sinistra che per rocce rotte ci porta sotto l’ultimo caminetto  alto poco meno di una decina di metri che impegnandoci sul II grado con rocce instabili ed esposte, ci porta sulla cima.

Qui ci fermiamo abbastanza e ne esploriamo il ramo meridionale, studiamo la conformazione degli Spalti di Toro da questa prospettiva preziosa e scattiamo qualche foto.  Nubi innocue salgono da ogni versante e siamo praticamente accerchiati ma si dissolvono immediatamente creando visuali mozzafiato.

In discesa decidiamo di andare slegati e la corda resta nello zaino.

Ricongiuntici con il bivio per il sentiero dismesso Piero Taiariol ne seguiamo la traccia e pian piano risaliamo l’ arcigna gola che viene celata dalle nubi. Questa si stringe sempre più finchè dobbiamo superare un salto roccioso: io passerò  a destra sfruttando una vecchia scala, Jacopo invece usa il vecchio cavo d’ acciaio con staffe sulla parete di sinistra. Da qui fino in forc. Cimoliana(2183m) si può parlare di vero e proprio sentiero spaccagambe, credo che la media fosse un passo in avanti e tre indietro. Dalla forcella divalliamo al Perugini immersi nella nebbia e dopo una breve sosta scendiamo al Pordenone dove una bella birra fresca ci ravviverà dopo i più di 1700m di dislivello. Ruggero ci chiederà: “ Non avete fatto il Campanile?”, noi risponderemo che è solo questione di tempo… nel mentre pensiamo già alla giornata seguente sulle Dolomiti di Sesto.

0.JPG
Risalendo la Val Monfalcon di Cimoliana
1.JPG
La Croda Cimoliana in tutto il suo splendore
2.0.JPG
Punta Eva
2.1.JPG
Il bivio
2.2.JPG
Punta Koegel dall’ alto Ciadinut di Cimoliana
3.JPG
La cresta che delimita il Ciadinut. Dietro la Cresta del Leone
4.JPG
Zoomata sulla Cresta del Leone
5.JPG
Il canale d’ attacco
6.JPG
Raponzolo di roccia, specie endemita ormai abbastanza rara!!
7..JPG
Spettacolo di contrasti verso il ramo di Brica e il Pramaggiore!!
8.JPG
All’ imbocco del secondo canale dove si trova il passo chiave
9.JPG
Sotto il passo chiave di II marcio e umido
10.JPG
In azione
11.JPG
Si iniziano le cenge
12.JPG
Qualche leggera contropendenza
13.JPG
Pulpito “dolomitico”
14.JPG
Sulla fessura-caminetto di I+ prima della forcella che da in versante Cadore
15
Faccia soddisfatta in forcella
16.JPG
Si prosegue per cengia, sullo sfondo gli Spalti
17.JPG
Salendo in spaccata l’ ultimo caminetto di II grado esposto
18.JPG
In vetta
19.JPG
Si conosceva già l’ anarcnide…
20.JPG
Libertà!!
24
Il Cridola sbuca a sinistra, a destra la catena dei i Brentoni. In fondo i giganti austriaci
26.JPG
Cima Stalla
27.JPG
Risalendo l’ arcigno canale che ci porterà in forcella Cimoliana
28.JPG
Il passaggio della scala metallica
29.JPG
Diciamo pure spaccagambe queste ghiaie
31.JPG
In forcella verso le guglie della Croda Cimoliana
32.JPG
La targa
33.JPG
Si divalla al Perugini
34.JPG
Il Campanile vuole rimanere celato dietro le nubi
35.JPG
Il bivacco Perugini con il suo ciadin alle spalle e forcella Montanaia sullo sfondo
36.JPG
L’ accogliente rifugio Pordenone

Per ulteriori foto di veda ” La triade dei Monfalconi”

Sitografia:

-www.vienormali.it

Precedente Monfalcon di Cimoliana 2450m - Fra camini angusti e pietre volanti Successivo Cresta del Leone - Cima Centrale 2401m

Lascia un commento