Dal Raut a Forcella Racli – La grande cresta in invernale

DSCN2875.JPG - Copia
Le vertiginose pareti Sud del Raut dall’ alta pianura friulana
DSCN29731.JPG - Copia
Il versante Nord del Raut all’ alba visto dalla Cuesta Spioleit

Relazione e foto di Claudio Betetto.

Premessa

Capita spesso che ci facciamo progetti in mente, ci studiamo nei dettagli e ci immaginiamo l’ itinerario che vogliamo seguire. Poi però succede l’ imprevisto e salta tutto. Se c’ è una cosa che ho imparato è trovare subito un piano b. Noi avevamo inizialmente come obiettivo la salita al Monte Ferrara dalla Val Cimoliana che poi si è rivelata chiusa. Il piano secondario prevedeva di salire il Raut (2025m). Federico soprannominato “il trattore”, voleva proseguire fino al monte Castello; poi mi è tornata in mente quella traversata che avevo individuato tempo fa che passa per il Clap del Paredach (1840m) e poi, complessivamente in discesa, tocca la cima dell’ Ortat (1670m) per piegare in Forcella Racli (1590m).  Le macchine a disposizione erano due, la traversata quindi fattibile lasciandone una al monastero di Santa Maria sopra Poffabro, la seconda agli 840 m di Forcella di Pala Barzana.

Siamo l’ amico Federico ed io in una Domenica di inizio Marzo.

Relazione

Lasciato il mio mezzo in quel del monastero, sopra Poffabro, ci dirigiamo alla Pala Barzana. La mattina è fresca e c’ è la brina ma si sente che l’ inverno, almeno qui, ha mollato la presa: al primo raggio di sole infatti, subito ci scaldiamo. La salita verso Forcella della Capra è ferocemente in piedi. Tutto il pendio, prima nel breve boschetto, quindi su un grande versante franoso e poi sui prati è privo di neve. L’ alba sul gruppo del Col Nudo ci fa mancare il fiato proprio appena abbiamo acquisito il ritmo giusto.  Finalmente, quando il sentiero si imposta su uno dei tanti canalini che scendono dalle pareti del Raut, compare la neve, ovviamente bella dura, compattata dai vari cicli di gelo-disgelo.

Fortuna vuole che ci siano già le orme di un predecessore( considerata la cima più d’ uno), così saliamo veloci fino alla Forcella della Capra. Nell’ ultimo tratto la neve, baciata dal sole, comincia già a mollare. In forcella tira un bel vento e in men che non si dica siamo catapultati in inverno. Viriamo a sinistra e proseguiamo più o meno in cresta: impossibile sbagliare fintanto che si arriva davanti ad un più grande sperone roccioso. Visto il comportamento di un personaggio che ci precede, decidiamo di aggirare il suddetto sperone a destra, alla base. Per farlo calziamo i ramponi. Il secondo ostacolo si presenta invece quando bisogna rimontare l’ ultimo salto roccioso, dotato di cavo d’ acciaio. Il terreno ripido è rigato dal ghiaccio e piuttosto che difficile, si può definire come molto delicato. In breve siam fuori e comincia a prenderci già la gioia della cima anche se questa volta è più sommessa poiché sappiamo che ci aspetta ancora molta strada. Il terreno qui non è molto ripido ma il vento ha letteralmente piallato la neve rendendola una lastra che senza ramponi difficilmente risulta attraversabile…e ce n’ è ancora molto di vento!! Possiamo così stare solo pochissimi minuti in compagnia della austera croce rossa. La penna non funziona e scrivo incidendo il libro. Poi torniamo sui nostri passi fino a Forcella della Capra e ci rifocilliamo in un antro al riparo dal vento: ora comincia il bello. Da relazione e anche ad intuito abbiamo capito che per salire sul Clap del Paredach, da cui inizia la cavalcata in cresta, bisogna oltrepassare la forcella  dove stiamo e costeggiare le pareti, evitando dei primi salti rocciosi. Il versante Nord si presenta subito più ostico: neve a tratti farinosa ci fa affondare fino all’ anca. Dopo il traverso, tenendosi circa in quota, puntiamo alla sella che è sopra di noi, poi per zolle erbose miste a neve arriviamo in cima al Clap del Paredach. Da qui si ha una buona visuale sulla futura cresta da percorrere e decidiamo di abbandonarla quasi subito temendo un passaggio duro lungo una ripida discesa che tuttavia da qui non possiamo vedere bene. Ovviamente ci teniamo a Nord poiché a Sud le pareti sono verticali e, faticando nella neve alta, ci riportiamo sulla dorsale che mai più abbandoneremo. Ora il problema più grosso sono i continui buchi che si aprono sotto ai nostri piedi (maledette tane!!) anche perché la neve sta mollando e in qualche caso rischiamo anche un po’. Un inaspettato passaggio su roccia che impegnerebbe quasi sul terzo ma, vista la brevità (3m circa) non è molto classificabile, ci da quel tocco di adrenalina che ci mancava, quando finalmente arriviamo a Forcella Racli. Questa, posta subito sotto il Monte Rodolino, incide la cresta da noi percorsa. A Nord vi è casera Valine Alta, a sud il monastero di Santa Maria…1000 metri più a valle!! Mangiamo raccontandocela e divalliamo tranquillamente tanto ormai il più è passato, si tratta solo di stringere i denti e camminare.

Arriviamo alla macchina immersi in un’ atmosfera rilassata di inizio Primavera, consci di aver compiuto una grande traversata.

DSCN2754.JPG (2)
L’ alba sul gruppo del Col Nudo che ci lascia senza fiato
DSCN2757.JPG
Lungo il sentiero, superata la frana
DSCN2761.JPG
Il canale di salita con la neve bella dura
DSCN2765.JPG
Il Clap del Paredach e sullo sfondo le colline e la pianura friulana
DSCN2768.JPG
Federico sullla rampa finale che porta a Forcella della Capra. La neve qui comincia già a mollare
DSCN2770.JPG
La nostra prima meta è lì in fondo. Qui vista da Forcella della Capra
DSCN2773.JPG
La fantastica cresta del Raut!!!
DSCN2778.JPG
Il traverso finale su neve ventata, dura come cemento
DSCN2779.JPG
In cima!! Il vento soffia impetuoso
DSCN2784.JPG
Il passaggio più delicato è in discesa…un cavetto d’ acciaio aiuta la progressione
DSCN2786.JPG
Passaggio d’ equilibrio
DSCN2791.JPG
Traversando a Nord sotto le pareti per riprendere la cresta che porta sul Clap del Paredach
DSCN2794.JPG
Panorama dal Clap del Paredach, da sinistra: Pelmo, Duranno, Cima dei Preti e, forse, Antelao
DSCN2799.JPG
La cresta che andremo a percorrere
DSCN2806.JPG
In lontananza gruppi del Canin e del Montasio
DSCN2800.JPG
Uno squarcio sulla pianura
DSCN2807.JPG
Il nostro cammino in cresta termina prima dell’ elevazione che spicca, il Monte Rodolino.
DSCN2809.JPG
Uno sguardo alla cresta percorsa. Spunta il Raut dietro alla costa (Crinal de Basson) che digrada a Nord del Clap del Paredach
DSCN2812.JPG
Forcella significa pranzo….finalmente!!
DSCN2814.JPG
La ripida discesa verso il monastero di Santa Maria ben visibile in foto
DSCN2816.JPG
Nel bosco
DSCN2817.JPG
L’ arrivo al monastero
Precedente Casera Charpin dalla diga del Ciul per il "Troi da lis vachis" Successivo Cima Spè 2314m – Via normale dopo un lungo anello

Un commento su “Dal Raut a Forcella Racli – La grande cresta in invernale

  1. gongo il said:

    Mi ha fatto ridere che il “trattore” volesse proseguire fino al M. Castello! Un bel coraggio davvero gettare
    tutte quelle energie sulla neve di m di questa stagione; solo gioventù disgraziata come voi lo può fare!

Lascia un commento