Cima Brentoni Ovest 2547m – Via Normale con variante

IMG_29741.JPG
Cima Brentoni Ovest vista dal sentiero

 Relazione e foto a cura di Claudio Betetto

Salita del 7/08/13

Premessa

Con amici e amici di amici si era tentata la salita di Cima Brentoni Ovest il giorno precedente ma, ai primi passi su roccia è stato saggio scendere. La mattina seguente alle primissime luci ero di nuovo lì, con un conto in sospeso.

Relazione

Salendo dal Cadore verso Sella Ciampigotto (1790m) – Casera Razzo, lascio l’ auto in un parcheggino sulla destra poco prima della suddetta sella e mi incammino per la strada forestale. E’ una calda mattina d’estate, l’aria carica di umidità, se fossimo in pianura l’afa regnerebbe sovrana ma qui per ora no. Di buon passo mi avvicino alle pareti della mia montagna. L’obiettivo è scalare la cima Ovest. Superati bosco e prati mi inerpico per zolle erbose intervallate da roccette e con brevi passi di I grado mi porto sotto le fantastiche placconate calcaree. Mi fermo un istante e le osservo attentamente, individuo delle linee di salita, poi senza troppo pensare, attacco sulla sinistra. La roccia è ottima, molto appigliata, permette di salire in aderenza (quella volta avevo ancora suola sulle scarpe) e dopo 20-30m la pendenza inizia a diminuire, depositandomi sul sentiero della normale. Se avessi scelto quest’ ultima avrei dovuto tendere ancora più a sinistra, sotto le placconate, seguendo i bolli rossi, ma l’attrazione è stata troppa. I singoli passaggi non superavano il II grado tranne alla base uno forse sul III in aderenza.

Immerso in uno stato di esaltazione proseguo fino ad una stretta insellatura dove stacca il diedro di II grado per cui è conosciuta la via comune. L’ arrampicata è piacevolissima, la roccia solida, abbastanza ripulita, e arrivo velocemente sulla cima. Sono da pochissimo passate le 8, ho ancora moltissimo tempo davanti a me, così posso permettermi di chiudere gli occhi ed ascoltare il silenzio della vetta. Non capita sempre di riuscire a fare questa cosa: è una situazione paradisiaca che molto spesso è ostacolata dai nervi troppo tesi oppure dal tempo che stringe. Stavolta invece è presto e non ho nessun tipo di timore o preoccupazione. Curioso fra le firme del libro, tutto sommato abbastanza ricco. Complici le nebbie che si alzano dai vari fondovalle mi sento un po’ il viandante di Friedrich, in versione moderna.

La discesa avviene per la via di salita eccetto che sulle placconate, dove mi tengo più a destra seguendo la normale, con passaggi di I grado. Quando sono ormai arrivato all’erba incontro altri due alpinisti che salgono con tanto di corda nello zaino, secondo me materiale superfluo. Di corsa (per la verità con qualche sosta al sole) punto alla macchina e ad un meritato pomeriggio di riposo.

IMG_29731.JPG
Lungo il sentiero. E’ visibile anche la traccia a mezzacosta. Sullo sfondo cima Brentoni Ovest
parete 11
Sotto le stupende placconate
parete1.JPG
Durante la facile arrampicata
IMG_29831.JPG
Lungo il diedro della via normale
croce e nebbia1.JPG
In cima, una visione più che romantica
IMG_29661.JPG
Garofani coloratissimi
stella alpina 11
E anche la stella alpina!!
Precedente Monte Resettum 2067m - Via Normale Successivo Monte Pramaggiore 2478m - Cima Cadin 2313m

Un commento su “Cima Brentoni Ovest 2547m – Via Normale con variante

  1. ROBERTO il said:

    Ciao, una cima stupenda in un ambiente solitario e magico, l’ho fatta ormai 10 anni fa con un corso di alpinismo, complimenti ciao

Lascia un commento